I protagonisti della XXI edizione - 2019

Associazione Culturale Legio XIII Gemina-Rubico ha come obiettivo la ricostruzione della vita quotidiana di una Legione romana del I sec. d.C., la Tredicesima, gemella di quella costituita da Giulio Cesare. Attingendo alle fonti antiche e basandosi sull’archeologia ricostruttiva, il  gruppo storico riminese propone eventi culturali e rievocazioni.

Associazione culturale Laboratorio Dimora Energia si propone di promuovere attività legate a temi che approfondiscono le relazioni tra ambiente, risorse naturali e modelli di produzione e consumo. Un’attenzione particolare è rivolta alla riscoperta dei principi costruttivi antichi e dei modi dell’abitare nel passato.

Associazione di Promozione Sociale Io non tremo! Nasce a Rimini come progetto di sensibilizzazione nei confronti del Rischio Sismico. Promuove e realizza iniziative per l’alfabetizzazione dei cittadini nei riguardi di questo tema per accrescere il livello di consapevolezza della popolazione nei riguardi della pericolosità sismica del territorio.

Associazione Storico Culturale Compagnia di San Martino nasce a metà degli anni ‘90, specializzandosi nel re-enacment e nell’archeologia sperimentale. Negli anni ha collaborato con le reti nazionali per programmi divulgativi come Ulisse il piacere della scoperta e con diverse istituzioni pubbliche e private.

Andrea Augenti insegna Archeologia medievale all’Università di Bologna. Ha diretto numerosi progetti e campagne di scavo, soprattutto a Roma e a Classe (Ravenna). Di recente è stato il coordinatore scientifico dell’allestimento del Museo “Classis Ravenna-Museo della Città e del Territorio”. È membro del comitato scientifico del Parco Archeologico del Colosseo (Roma) e della Fondazione RavennaAntica. Tra i suoi ultimi libri, Archeologia dell’Italia Medievale (Laterza, 2016) e A come Archeologia (Carrocci, 2018).

Vincenzo Aulizio, insegnante di Lettere e storico specializzato nell’epoca contemporanea, è appassionato di didattica e sempre impegnato a mettere a punto metodologie funzionali per l’insegnamento della storia e della lingua italiana.

Ilaria Balena storica, collabora con i Musei di Rimini come operatrice didattica per la Seziona archeologica. È collaboratrice di Bookstones, una casa editrice che si occupa anche di ricerca, servizi culturali e di una libreria on line. Ha indirizzato i suoi interessi verso l’antichità, partecipando a scavi e alla ricerca storica, e verso l’arte contemporanea, curando mostre di giovani artisti.

Marcello Barbanera, saggista, è professore di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana presso La Sapienza di Roma. Si è specializzato a Roma in Storia dell’arte antica. Visiting professor a Parigi (Ecole des Hautes Etudes 1997 e Institut d’Histoire de l’Art 2006), è stato nel 2008 «Kress Lecturer» per l’Archaeological Institute of America, di cui è membro. La sua attività di ricerca è orientata alla storia dell’archeologia, e alla definizione di arte nella società greca.

Angelo Beccarelli, farmacista, è presidente dell’Accademia di Storia della Farmacia.

Nadia Bizzocchi, bibliotecaria, è curatrice dell'Archivio Fotografico della Biblioteca civica Gambalunga di Rimini.

Tito Boeri, già Presidente dell’Inps, è stato per dieci anni senior economist all’Ocse, poi consulente del Fondo monetario internazionale, della Banca mondiale e della Commissione europea. Insegna Economia del Lavoro nell’Università Bocconi. Tra le più recenti pubblicazioni in italiano: La crisi non è uguale per tutti (Rizzoli 2009); Le riforme a costo zero (con P. Garibaldi, Chiarelettere 2011); Parlerò solo di calcio (Il Mulino 2012) e più di recente Populismo e stato sociale (Laterza, 2017).

Giovanni Brizzi, professore emerito di Storia romana all’Università di Bologna e autore di numerosi saggi, è specialista di Storia annibalica e di storia militare antica. Membro di numerosi organismi scientifici nazionali e internazionali, collabora con il Corriere della Sera e La Lettura. Fra le ultime pubblicazioni Silla (Il Mulino, 2018), Io Annibale. Memorie di un condottiero (Laterza, 2019).

Alberto Calciolari, di formazione filologica, è attualmente funzionario presso l’Istituto Beni culturali della Regione Emilia-Romagna, dove si occupa di tutela e promozione del patrimonio culturale, con particolare riferimento ai beni librai. Ha collaborato, tra l’altro, al volume pubblicato da IBC Agricoltura e alimentazione in Emilia Romagna. Antologia di antichi testi.

Franco Cardini, professore emerito di Storia medievale presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane e Sociali/ Scuola Normale Superiore, oltre ad essere Directeur de Recherches nell’École de Haute Études en Sciences Sociales di Parigi e Fellow alla Harvard University. Da oltre un trentennio si occupa di crociate, di pellegrinaggi e di rapporti tra la cristianità e l’Islam. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo, per il Mulino, La via della seta (con A. Vanoli, 2017) e Andalusia. Viaggio nella terra della luce (2018).

Lia Celi, giornalista, scrittrice di racconti per adulti e ragazzi è anche autrice e conduttrice televisiva e radiofonica.

Michela Cesarini, storica dell’arte, e collaboratrice dei Musei Comunali di Rimini, per l’attività didattica e i percorsi di valorizzazione delle opere del Museo della Città e di monumenti cittadini. Ha ideato Discover Rimini passeggiate culturali, attivo nel campo delle visite guidate.

Valeria Cicala funzionario dell’IBC, giornalista. È redattore capo della rivista “IBC”. Scrive di antichità e di comunicazione del patrimonio. Cura la promozione e l'ideazione di eventi. Svolge docenze per master in comunicazione.

Antonietta Corsini, specialista in tecniche pittoriche antiche, ha collaborato in esclusiva con le Edizioni Musei Vaticani. Dal 1993 ha preso parte a numerose mostre collettive e personali e svolto qualificati interventi di arte sacra per chiese di Rimini, del pesarese, di Torino e in Siria. Ha realizzato il ritratto a papa Benedetto XVI e ha dipinto copie di grandi Maestri per il Centro di Cultura Italiana di Joao Pessoa in Brasile.

Cristiano Croci, demoetnoantropologo si interessa di ecomusei, studi critici sul patrimonio culturale e dinamiche di patrimonializzazione UNESCO. Docente di lingua e cultura italiana alla Chongqing University of Arts and Sciences (Cina) e ha collaborato con la Fondazione Ranieri di Sorbello di Perugia per la, gestione museale e la ricerca sulle collezioni. Segretario del Coordinamento regionale ICOM Umbria, collabora con la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria.

Roberto Mario Danese è professore ordinario di Filologia classica e Presidente del Presidio della Qualità di Ateneo presso l'Università di Urbino, Membro del Collegio dei Docenti del Dottorato di ricerca in Scienze dell'Antichità e Archeologia presso l'Università di Pisa, Firenze, e Siena. Grande conoscitore del teatro classico latino e greco ed esperto di cinema, ha pubblicato numerosi articoli e saggi. Dal 2017 dirige la Collana editoriale "Hypokrisis", Carocci Editore.

Raffaele De Berti, professore associato di Storia e critica del cinema e Cinematografia documentaria presso l’Università degli Studi di Milano e docente di Analisi del prodotto cinematografico all’Università della Svizzera Italiana. Si è occupato di storia del cinema italiano dagli anni Dieci agli anni Sessanta, dei rapporti tra cinema, altri mass-media e società italiana, della diffusione della cultura americana in Italia attraverso il cinema e delle forme di novellizzazione letteraria dei film.

Stefano De Carolis, Dirigente medico di I livello presso l’Azienda USL della Romagna, è responsabile del Centro per i disturbi cognitivi e demenze (CDCD) dell’ambito territoriale di Rimini. Socio della Società Italiana di Storia della Medicina e della International Society for the History of Medicine, e Direttore della Scuola di Storia della medicina dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Rimini. Esperto di medicina antica, da quasi vent’anni studia i ritrovamenti della domus del Chirurgo.

Stefania De Vido, professore associato presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, si occupa di storia della Sicilia dall’arcaismo all’età romana, di storia sociale in ambiente coloniale, di storiografia greca e di epigrafia.

Oreste Delucca, da oltre cinquant’anni è impegnato nello studio delle fonti d’archivio per documentare l’ambiente, l’economia, l’urbanistica, l’arte, le strutture sociali della sua città e del territorio, con particolare riferimento ai secoli del tardo Medioevo e del Rinascimento, su cui ha pubblicato 33 volumi monografici e 150 saggi. È membro della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, della Società di Studi Romagnoli e della Società di Studi Storici per il Montefeltro.

Davide Domenici, professore associato di antropologia presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna. Si occupa di antropologia e archeologia dell’America indigena. Ha diretto il Progetto Archeologico Rio La Venta (Chiapas, Messico, 1999-2010) e il Cahokia Project (Illinois, USA, 2011-2017). Le sue ricerche più recenti vertono sull’analisi scientifica di manoscritti pittorici, collezionismo di oggetti e manoscritti mesoamericani e sul patrimonio americanistico dei musei italiani.

Isabella Fabbri, giornalista e scrittrice. Per l’Istituto Beni culturali si è a lungo occupata di comunicazione e promozione del patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna.

Sonia Fabbrocino, educatrice museale, progetta e conduce laboratori di Didattica dell’Arte sul contemporaneo. È inoltre artista, arte terapeuta, formatrice di progetti educativi con le Scuole, curatrice di mostre. Ha ideato e progettato l’Ecomuseo Rimini, in collaborazione con le istituzioni.

Francesca Martina Falchi, dopo la laurea in Filologia moderna e il dottorato in Scienze umanistiche, si è occupata di studi sul Neoclassicismo e sulla traduzione dei classici. Nel 2014 ha pubblicato l’edizione critica Gli Inni di Callimaco tradotti da Dionigi Strocchi (Alessandria, Edizioni dell’Orso).

Monica Farneti, studiosa di tessitura precolombiana, cura l’attività didattica sulla civiltà precolombiane d’America per i Musei di Rimini. Ha collaborato con il Dipartimento di paleografia e Medievistica dell’Università di Bologna e con i Musei di Rimini per l’allestimento del Museo degli Sguardi. È relatore di convegni internazionali di Americanistica.

Mauro Felicori, già direttore generale della Reggia di Caserta, ha ricoperto diversi incarichi dirigenziali al Comune di Bologna. Attualmente è Commissario straordinario della Fondazione Ravello oltre a dirigere  l’Unità operativa di Ago Modena Fabbriche Culturali.

Elisabetta Gagetti, abilitata come professore associato in Archeologia Classica, ha insegnato alla Masaryková Univerzita di Brno (Cechia) e all’Università di Trnava (Slovacchia) dal 2005 al 2014. È ricercatore indipendente presso l’Università di Milano “La Statale”. Studia la glittica dall’età ellenistica all’alto Medioevo e la microscultura antica a tutto tondo. Dal 2006 si occupa anche dell’immagine dell’antico al cinema. Con Raffaele De Berti e Fabrizio Slavazzi ha curato un volume su Fellini-Satyricon, del quale è tra gli autori.

Francesco Maria Galassi, medico e paleopatologo, è Professore Associato in Archeologia presso la Flinders University (Adelaide, Australia), con esperienze di ricerca presso l’Università di Oxford e l’Imperial College di Londra e già Assistente all'Università di Zurigo. La sua ricerca paleopatologica, è incentrata sulle mummie e sulla storia della medicina, ed è noto per lo studio di “cold cases”, come la malattia di Giulio Cesare. Autore di un centinaio di pubblicazioni, tra cui “Un Mondo senza Vaccini? La vera storia” (C1V Edizioni, 2017), è co-autore del libro "Julius Caesar’s disease. A New Diagnosis" (Pen and Sword, 2016). Commentatore di studi paleopatologici su testate giornalistiche; ha partecipato al programma Superquark e scrive per l'inserto culturale del Corriere della Sera.
È tra i fondatori del Patto Trasversale per la Scienza.
Nel 2017 la rivista americana Forbes lo ha incluso fra i 30 scienziati under 30 più influenti in Europa, mentre nel 2018 la rivista Forbes Italia fra i 100 italiani under 30 più influenti.

Cristina Giovagnetti laureata in Storia Antica e specializzata in Archeologia presso l’Università di Bologna, affianca all'attività di archeologa la collaborazione con varie istituzioni a Rimini, Santarcangelo, Riccione, Repubblica di San Marino, per la didattica e la divulgazione della storia e delle scoperte archeologiche locali e dei materiali antichi. Ha partecipato allo scavo della domus del chirurgo, alla ricostruzione del suo ambulatorio e all’allestimento delle sezioni archeologiche del Museo di Rimini.

Ignis Vestae, gruppo di rievocazione storica creato nel 2012 da Angela Zavatta con l’Ass. Cult. Legio XIII e Simona Gugnali. Propone un vario repertorio di danze antiche orientali e romane con l’utilizzo di abiti ricreati sui modelli dell’epoca, musica antica e strumenti tipici (veli, tamburelli, cimbali…) oltre a ricostruire, traendo ispirazione dalle antiche raffigurazioni e fonti storiche ed archeologiche, la vita ed il sacerdozio delle “Vestali”.

Egidio Ivetic, insegna Storia moderna e Storia del Mediterraneo nell’Università di Padova. Tra i suoi libri: Un confine nel Mediterraneo. L’Adriatico orientale tra Italia e Slavia (Viella, 2014), I Balcani dopo i Balcani (Salerno, 2015) e, per il Mulino, Le guerre Balcaniche (nuova ed. 2016).

Alessandro La Motta, ha esposto con sue mostre personali in Cina, Israele, Belgio, Stati Uniti, Spagna oltre che nelle principali gallerie italiane. Nel 2011 ha partecipato alla 54a Biennale di Venezia per il Padiglione Italia nella sezione dell’Emilia-Romagna. La sua opera nascendo in rapporto sodale con la poesia, lo porta a intraprendere collaborazioni importanti con poeti e scrittori e a realizzare pubblicazioni e mostre di respiro internazionale.

Armida Loffredo, insegnante di Lingue Straniere, di canto e di teatro,è studiosa e ricercatrice del Metodo Funzionale di Fisiologia Vocale assieme a Linda C. Hermes, sua maestra dal 2001. Svolge anche il ruolo di ideatrice e organizzatrice di eventi culturali e artistici.

Fabrizio Loffredo, insegnante di Lettere, scrittore, musicista, ricercatore di teatro antico, collabora con l’Università di Urbino e di Siena. Appassionato di didattica, con la Prof.ssa Donatella Puliga dell’Università di Siena sta mettendo a punto un metodo per portare i classici nelle scuole dove questi non vengono studiati.

Luca Mandolesi, socio e archeologo di adArte Srl, laureato in Archeologia Medievale, si è formato a Siena sugli scavi archeologici, lo studio dei materiali ceramici e l’informatica applicata ai Beni Culturali. Ha realizzato il primo softwre openSource pyArchInit, un plugin per la gestione GIS dei dati di scavo. Collabora a livello nazionale con l'associazione Una_Quantum inc. per la diffusione dell'informatica nel mondo dei Beni Culturali.

Valerio Massimo Manfredi, archeologo e scrittore, ha insegnato in numerose università italiane e straniere. È autore di romanzi tradotti in tutto il mondo, di saggi, oltre che di soggetti e sceneggiature per il cinema e la Tv. Tra i suoi titoli più celebri ricordiamo le trilogie di Aléxandros e del Il mio nome è nessuno e Il quinto comandamento (2018), tutti editi per Mondadori. Nel 2019 ha pubblicato Sentimento italiano (SEM, 2019).

Stefano Medas da oltre vent’anni lavora nell’archeologia subacquea e navale. Ha diretto oltre sessanta campagne di scavo su relitti e siti sommersi, in particolare nella laguna e nel mare di Venezia. Ha pubblicato quattro monografie e oltre cento articoli scientifici, curando, tra le altre, la pubblicazione degli Atti del I, II e III Convegno Nazionale di Archeologia, Storia e Etnologia Navale (2010, 2014, 2019). Ha tenuto corsi e seminari in diverse università italiane e straniere ed è stato docente a contratto di Storia della navigazione antica presso l’Università di Bologna. Attualmente è assegnista di ricerca presso l’Università Ca’ Foscari, Venezia. Dal 2007 è presidente dell’Istituto Italiano di Archeologia e Etnologia Navale.

Piero Meldini, riminese, ha diretto la Biblioteca Gambalunga per più di venticinque anni. Si è occupato di storia contemporanea e di storia locale, di iconologia e di storia dell’alimentazione e della cucina. È anche autore di romanzi ampiamente premiati e tradotti in diverse lingue.

Cecilia Milantoni, archeologa specializzata in Beni Archeologici, oltre ad una ricca esperienza di scavo, ha sviluppato numerosi percorsi archeologici e storici in collaborazione con Associazioni ed Enti del Territorio di Forlì-Cesena. Si occupa di didattica per la Fondazione RavennAntica e dei Musei di Ravenna.

Elisabetta Moro, professore ordinario di Antropologia culturale all’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa. Per il Mulino ha pubblicato «La dieta mediterranea. Mito e storia di uno stile di vita» (2014) «Andare per i luoghi della dieta mediterranea» (con M. Niola, 2017). Editorialista del «Mattino» e del settimanale svizzero «Il caffè», collabora con il «Corriere della Sera» e il mensile «Cook».

Federicomaria Muccioli, professore ordinario di storia greca presso l’Università di Bologna. Tra i suoi libri si segnalano: Gli epiteti ufficiali dei re ellenistici e Le orecchie lunghe di Alessandro Magno. Satira del potere nel mondo greco (IV-I secolo a.C.)

Maria Giuseppina Muzzarelli docente Storia medievale, Storia delle città e Storia del costume e della moda all’Università di Bologna. Con il Mulino ha pubblicato Guardaroba medievale. Vesti e società dal XIII al XVI secolo (Il Mulino nuova ed. 2008), Un'italiana alla corte di Francia. Christine de Pizan intellettuale e donna (Il Mulino  nuova ed. 2017), Breve storia della moda in Italia (Il Mulino 2014). A capo coperto. Storie di donne e di veli (Il Mulino nuova ed. 2018).

Marino Niola professore ordinario di Antropologia dei simboli all’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa dove, con Elisabetta Moro, dirige il MedEatResearch-Centro di ricerche sociali sulla dieta mediterranea. Editorialista del quotidiano La Repubblica, con il Mulino ha pubblicato «I Santi patroni» (2007), «Si fa presto a dire cotto. Un antropologo in cucina» (2009), «Non tutto fa brodo» (2012) e «Homo dieteticus» (2015). Per Bompiani ha pubblicato «Diventare don Giovanni» (2019).

Walter Pasini è medico, esperto di sanità internazionale.

Mauro Perani, professore Ordinario di Ebraico presso il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, a Ravenna. Presidente della European Association for Jewish Studies dal 2006 al 2010 e attuale Presidente dell’Associazione Italiana per lo Studio del Giudaismo, dal 1984 lavora al Progetto Ghenizà Italiana. Visiting professor al Frenkel Center for Jewish Studies della University of Michigan, USA nel 2008, nel 2013 ha ricevuto dalla Hebrew University il Dottorato honoris causa per le sue ricerche sui manoscritti ebraici. La sua bibliografia conta decine di monografie e centinaia di articoli.

PHOENIX Archeologia S.r.l. si è costituita nel 1992 ed è attiva nel campo della ricerca archeologica e del restauro. Riunisce diversi professionisti archeologi specializzati nei vari settori disciplinari: valutazioni delle potenzialità archeologiche, archeologia preventiva, survey e tecniche non distruttive di indagine, scavo stratigrafico e restauro di beni ed aree archeologiche. È dotata di apposite qualificazioni aziendali, come la OS25 classe II per gli scavi archeologici.

Annalisa Pozzi, funzionario archeologo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con responsabilità di tutela territoriale presso la Soprintendenza ABAP di Ravenna. Specialista e dottore di ricerca in archeologia; ha partecipato a campagne di scavo presso la città etrusca di Marzabotto e la necropoli villanoviana di Verucchio, pubblicando diversi contributi scientifici. È coordinatore di redazione della Collana “Quaderni di Archeologia dell’Emilia-Romagna” e membro dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici.

Romina Pozzi, ha conseguito la laurea magistrale in Conservazione dei Beni Culturali/Beni Archeologici presso l’Università di Bologna e la laurea triennale in Scienze Religiose presso l’ISSR A. Marvelli di Rimini. Guida turistica abilitata, collabora con il Museo della Città di Rimini come operatrice didattica.

Antonella Prenner, filologa e latinista, insegna all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Ha scritto numerosi e importanti studi sulla letteratura antica. Tenebre, edito da SEM Libri nel maggio del 2018, è il suo primo romanzo.

Donatella Puliga, si è occupata di problemi relativi alla didattica delle Lingue classiche ed è stata consulente del Ministero della Pubblica Istruzione. Dal 1997/78 insegna Mitologia classica e Lingua e Letteratura latina presso l'Università di Siena, dove è responsabile del Laboratorio di ricerca sulla didattica dell'antico, che ha fondato nell'ambito del Centro di Antropologia e mondo antico diretto da Maurizio Bettini. Si occupa della dimensione antropologica della civiltà greco-romana ed è interessata alla permanenza di moduli classici nella società contemporanea, oltre che nella letteratura e nell'arte. È impegnata in progetti di divulgazione della cultura classica nelle scuole.

Lucio Russo, si è occupato di Meccanica statistica, probabilità e Storia della scienza. Tra i suoi libri segnaliamo La bottega dello scienziato. Introduzione al metodo scientifico (con A. Della Corte, il Mulino, 2016) e l’ultimo Perché la cultura classica (Mondadori, 2018).

Sergio Sabbadini, architetto specializzato in “Tecnologie ecologiche ed alternative in edilizia”. Fonda nel 2003 lo studio Disstudio.it. Formatore europeo ecvet per gli intonaci e le finiture in terra cruda.
É responsabile del settore “terra cruda” per A.N.A.B. dal 1996. Docente a contratto al Politecnico di Milano, sviluppa ricerca su tecniche e tecnologie bioedili partecipando anche a gruppi di lavoro su LCA e Regole professionali. É attivo anche nel settore del green design sia come progettista che come promotore di concorsi ed eventi durante il FuoriSalone del mobile di Milano (TerraMigakiDesign).

Maria Michela Sassi, professoressa di Storia della filosofia antica presso l’Università di Pisa. Ha dedicato le sue ricerche alla filosofia e alla scienza della Grecia antica, scrivendo numerosi saggi per riviste italiane e internazionali.

Martine Scalini, è docente di Storia dell’Arte presso il Liceo G. Cesare – M. Valgimigli di Rimini, guida turistica della Regione Emilia-Romagna e presidente dell’Ass. Culturale Castellane e Cavalieri. Da anni collabora con istituzioni museali pubbliche e private, e dal 2011 con i Musei di Rimini, per la didattica e le visite guidate.
Laureata al DAMS indirizzo Arte a Bologna con tesi sul patrimonio artistico riminese, è specializzata in didattica della Storia dell’Arte.

Andreas M. Steiner  progetta nel 1985 la rivista «ARCHEO – Attualità del passato», mensile dedicato all’archeologia e alla storia antica, di cui è attualmente direttore. Dal 2009 assume anche la direzione della rivista «MEDIOEVO – Un passato da riscoprire», dedicato alla storia e all’arte dell’età di mezzo.E’ autore di numerosi reportage e monografie sulle civiltà del Vicino Oriente e del Mediterraneo antico, oltre a collaborare con diversi quotidiani nazionali. Al centro dei suoi interessi e del suo impegno giornalistico figurano, inoltre, la salvaguardia del patrimonio storico-artistico, archeologico e paesaggistico dell’Italia.

Tecne S.r.l., opera nel campo dell’Archeologia e dei Beni Culturali da oltre un ventennio. Accreditata presso le Soprintendenze Archeologiche, rivolge i suoi servizi a Enti pubblici e privati, occupandosi in principal modo di archeologia preventiva e d’emergenza. Tra le più recenti indagini effettuate a Rimini quelle dell’ex Banca d’Italia-Palazzo Agolanti Pedrocca, il complesso Leon Battista Alberti, il giardino di Castel Sismondo e la necropoli, tutt’ora in fase di scavo, presso la vecchia Fiera-Conad il Lago.

TerraMigakiDesign è un team di professionisti uniti dal desiderio di divulgare la conoscenza sui temi della bioedilizia e in particolare sullo sviluppo del design in terra cruda.

Brunella Torresin giornalista per il quotidiano La Repubblica, ha frequentato l’Università degli studi di Bologna laureandosi in Lettere moderne; dal 1988 al 2019, assegnata alla redazione di Repubblica Bologna, ne ha curato le pagine di cultura e spettacoli

Elisa Tosi Brandi, PhD in Storia Medievale, svolge attività di docenza e ricerca presso l’Università di Bologna. I suoi studi riguardano i mestieri e gli oggetti della moda tra Medioevo e prima Età moderna, la storia riminese e malatestiana. Tra le ultime pubblicazioni: L’arte del sarto nel Medioevo. Quando la moda diventa un mestiere (il Mulino 2017); Il Medioevo nelle città italiane: Rimini (Fondazione CISAM 2017).

Sergio Valzania, scrittore e saggista, autore radiofonico e televisivo, è stato vicedirettore di Radio Rai. Tra le sue opere ricordiamo: U-Boot (Mondadori, 2011), La bolla d’oro (Sellerio, 2012) e La scintilla da Tripoli a Sarajevo. Come l’Italia provocò la prima guerra mondiale con F. Cardini (Mondadori, 2014). Attualmente collabora a Radio Inblu.

 

Share button